0%

L’ultimo impero d’Europa: storie della decolonizzazione portoghese

Posted By: Groja On:


Dopo essersi concepito come un impero e una potenza atlantica per lunghi secoli, tra gli anni Sessanta e Settanta del Novecento il Portogallo fu costretto a ripensare profondamente la propria identità e i propri rapporti coi paesi europei e con quelli africani.

La lotta per l’indipendenza dei suoi possedimenti coloniali si intrecciò strettamente con la guerra fredda da una parte e con l’abbattimento della dittatura dall’altra: la frustrazione per l’andamento delle guerre in Guinea, Angola e Mozambico alimentò il movimento che si batteva contro il regime di Lisbona.

D’altra parte, l’eredità coloniale continuò a incidere sul Portogallo anche dopo il suo passaggio alla democrazia e la concessione dell’indipendenza ai suoi territori d’oltremare.

Raccontiamo la storia della colonizzazione portoghese in questa puntata di Notabilia.

 

Playlist

• Conjunto típico Armindo Campos, Adeus Guiné, 1970

• Madredeus, Lisboa, Rainha do mar, 2005

• Mamukueno, Rei do palhetinho

• Miriam Makeba, A luta continua, 1989

• Amália Rodrigues, Grândola, vila morena, 1974

• Jovens do Prenda, Ilha virgem, 1974

• Linda de Suza, Um português, 1978

• Duarte Mendes, Madrugada, 1975

Crediti

Testo e voce di Lorenzo Ferrari


Leave a Reply

Play Cover Track Title
Track Authors